marcomix

5 battaglie storiche da non perdere

Tutte le battaglie più epiche delle grandi guerre a cardiopalmo sono state sempre rievocate al pubblico “di casa”. A partire dagli antichi romani – grandissimi guerrieri, i nostri romani – che al ritorno in patria riproponevano le battaglie e le loro trionfali gesta negli anfiteatri per il piacere ludico del popolo; così come gli americani che, nel bel mezzo del periodo della guerra civile, offrivano ad una miriade di civili curiosi la visione delle “sham battles”, ovvero esercitazioni di prese difensive, offensive e simulazioni tattiche sul campo per le battaglie che avrebbero potuto affrontare da un momento all’altro.

Ancora tutt’oggi, decine di migliaia di “re-enactors”, vestiti in abiti storici ed armi d’epoca, si mettono in gioco in fantastici combattimenti di fronte a migliaia di appassionati. Partecipano per onorare in qualche modo i sacrifici fatti dai nostri avi; quelle fatiche e sforzi che, ovviamente, risultano meglio comprensibili di fronte ad una realistica messa in scena.

Il comparto delle rievocazioni storiche legate alle battaglie più importanti della storia è diventato parte di un grande business milionario, e alle volte con grande gioia, dietro importanti ed oculati investimenti, sono nate e cresciute realtà invidiabili. Di queste realtà abbiamo selezionato alcune battaglie epiche, assolutamente fantastiche e da vedere almeno una volta nella vita.

D-Day

Lo sbarco dei rievocatori sulla spiaggia, inizia il D-Day (Foto: Christopher Furlong /Getty Images)
Quando fu combattuta?

Il 6 giugno 1944, in Normandia, Francia.

In quale guerra?

Durante la Seconda Guerra Mondiale.

Chi furono i contesi?

Le truppe alleate guidate dagli Stati Uniti e dal Regno Unito contro la Germania nazista.

Chi sono i vincitori?

Gli alleati, malgrado le numerose vittime, ottennero in Europa un punto d’appoggio che fu critico per i nazisti; la Germania indietreggiò sconfitta, ponendo fine alla guerra in Europa.

E di questi tempi?

In Francia, l’anniversario annuale dello Sbarco di Normandia viene celebrato a fine maggio, inizio giugno con numerose cerimonie. Ci sono parate, feste, tour nelle zone di approdo e la stupenda rievocazione della battaglia con l’atterraggio dei paracadutisti.

C’è anche una versione americana: il D-Day Conneaut e si autodefinisce la più grande rievocazione annuale del D-Day negli Stati Uniti. Si svolge ogni anno a Conneaut Township Park, nell’Ohio, lungo il lago Erie nella parte nord-orientale dello Stato. Circa 1.200 rievocatori statunitensi e canadesi partecipano a questo strabiliante spettacolo, previsto solitamente per la terza domenica di agosto, dove, fiore all’occhiello, rappresentano anche l’assalto di una spiaggia di 250 metri presente all’interno del parco; si dice che ricordi per somiglianza l’Omaha Beach. L’ingresso è gratuito.

La battaglia di Gettysburg

I rievocatori si allineano per combattere la battaglia di Gettysburg (Foto: S Pakhrin /Flickr)
Quando fu combattuta?

Dall’1 al 3 luglio 1863, dentro e intorno alla città di Gettysburg, nel sud della Pennsylvania.

In quale guerra?

Durante la guerra civile americana.

Chi furono i contesi?

I soldati dell’Unione contro le truppe della Confederazione.

Chi ha vinto?

L’Unione, in quella che è considerata la battaglia più sanguinosa della guerra stessa.

E di questi tempi?

Più di 51 mila soldati americani sono stati uccisi, feriti e dispersi a Gettysburg in quello che è ancora la più grande battaglia mai combattuta in Nord America. Ad organizzare la rievocazione è il Comitato dell’Anniversario di Gettysburg e si svolge nei primi di luglio, sui terreni agricoli a sud-ovest del campo di battaglia originale. Di corredo all’intera rievocazione della battaglia tra confederati e unionisti, si tengono interessanti dimostrazioni tecniche di combattimento nei campi militari allestiti per l’occasione. Durante le giornate dell’evento i turisti possono rivivere uno spaccato della quotidianità del tempo in un antico villaggio ottocentesco animato da numerosi figuranti. Non troppo lontano dalle postazioni principali si tiene anche una mostra-mercato per gli amanti della guerra civile. Ingresso a pagamento.

La Battaglia di Bunker Hill

Un rievocatore ordina alla sua truppa di fare fuoco. Siamo nel bel mezzo della battaglia di Bunker Hill (Foto: Lwp Kommunikáció /Flickr)
Quando fu combattuta?

Il 17 giugno 1775, su due colline fuori Boston, Bunker Hill e Breed’s Hill.

In quale guerra?

Durante la rivoluzione americana.

Chi furono i contendenti?

Le forze coloniali britanniche contro le truppe britanniche.

Chi ha vinto?

Le truppe britanniche; anche se subirono pesanti perdite, esse vinsero incoraggiando i coloni inesperti a schierarsi con la patria madre.

E di questi tempi?

In commemorazione dell’anniversario della famosa battaglia, si tiene una bellissima rievocazione in un immenso campo di 250 acri ad Epping, nel New Hampshire, a 50 kilometri a nord di Boston. L’evento è gestito e finanziato da privati, ma è aperto anche al pubblico. I visitatori possono assistere alla carica militare verso di Breed’s Hill e l’occupazione di Bunker Hill. Imperdibile è anche la Bunker Hill Day Parade, una tradizionale parata mantenuta viva dal 1786. Ingresso non a pagamento.

La Battaglia di Alamo

I rievocatori sparano con un cannone di fronte all’Alamo, sotto l’occhio attento dei numerosi turisti. (Foto: Kin Man Hui /Express-News )
Quando fu combattuta?

Dal 23 febbraio al 6 marzo 1836, ad Alamo Mission in quello che ora è San Antonio, in Texas.

In quale guerra?

Durante la rivoluzione del Texas.

Chi furono i contendenti?

Le truppe messicane sotto Santa Anna contro i texiani, i coloni anglofoni della provincia messicana del Texas.

Chi ha vinto?

Santa Anna! I messicani uccisero tutti i difensori del fortino – ben 257 di loro, tra cui i leggendari combattenti Sam Bowie e Davy Crockett.

E di questi tempi?

Alamo è la destinazione turistica numero uno del Texas. A febbraio i visitatori possono partecipare ad un tour di un’ora in cui ripercorrono le gesta della battaglia, ma le vere rimostranze sono difficili da vedere a causa della altissima affluenza di turisti in città. In occasione dell’anniversario della battaglia è la San Antonio Living History Association a condurre la manifestazione; lungo il celebre lungo fiume di San Antonio e nella affollatissima Alamo Plaza si tengono tante piccoli rappresentazioni della battaglia tra messicani e texani. Nel complesso tutto molto bello, ma bisogna veramente avere tanta fantasia per poter immaginare come poteva essere stato questo momento secoli fa. Ingresso principalmente gratuito.

La battaglia di Waterloo

I rievocatori inscenano una schermaglia durante la commemorazione della Battaglia di Waterloo (Foto: Carl Court /Getty Images)
Quando fu combattuta?

Il 18 giugno 1815, vicino a Waterloo in quello che ora è il Belgio.

In quale guerra?

Durante la Guerra della Settima Coalizione.

Chi furono i contendenti?

L’esercito francese, guidato dall’imperatore Napoleone, contro la Settima Coalizione: l’Austria, il Regno Unito, la Prussia, la Russia e, alla fine, la maggior parte del resto d’Europa.

Chi ha vinto?

La Settima Coalizione che forzatamente costringe Napoleone all’esilio per l’ultima volta. La battaglia di Waterloo fu considerata cruciale nella formazione dell’Europa moderna.

E di questi tempi?

Il bicentenario della battaglia è presentato da ASBL Bataille de Waterloo 1815, un gruppo no-profit nel quale aderiscono più di cinquantamila rievocatori con circa diecimila cavalli e cento cannoni. Un record! Questo evento ha un grandissimo indotto economico per il Belgio. Dopo i veri avvenimenti storici il campo di battaglia divenne presto un luogo di ricordo e di pellegrinaggio per tutte quelle nazioni che si erano sparate a vicenda in questo piccolo angolo del Brabante Vallone. È diventata una destinazione importante per tal scopo e tutt’ora migliaia di turisti visitano quel che era il campo di battaglia, assistendo ad una devastante e incredibile rievocazione storica. L’ingresso è a pagamento.

VIA mnn.com

Comments

Add a comment

mood_bad
  • No comments yet.
  • chat
    Add a comment